mercoledì 27 novembre 2013

Barbara D'Urso, Belen, Berlusconi, il Calciomercato, i Chip Sottopelle, i Cinepanettoni, Colorado Cafè, Fabio Volo, Flavia Vento, le Flash Mob, Forza Nuova, Gigi D'Alessio, Giuliano Ferrara, il Grande Fratello, i Grillini, gli hipster, gli indie, Instagram, Internet Explorer, gli iPhone/iPad/..., Justin Bieber, Lady Gaga, Libero, Maria De Filippi, Miss Italia, Miley Cyrus, l'Omeopatia, gli One Direction, Piazza Affari, Renzi, Sara Tommasi, Sanremo, le Scie Chimiche, le Sette Religiose, le Sigarette Elettroniche, lo Spread, lo Swag, Twilight, i Vegani, X-Factor, YOLO, Zelig.*

Se la smetteste di incazzarvi con chi parla di queste cose, come se voi e loro poteste davvero farci qualcosa abbaiando in maiuscolo sui social, queste smetterebbero di esistere.
Come è giusto che sia.

La verità è che avete paura di non essere considerati se non vi schierate da una parte.
Perché qui, se non siete nè con nè contro, non esistete.
E voi ci tenete al giudizio di chi non ha niente da dire al di fuori di insulti verso qualcun altro.
Altrimenti non votereste.


*Esclusi dalla lista perché già morti: Bersani, Fabrizio Corona, il Festivalbar, Gemma del Sud, Mario Monti, Michael Jackson, Oscar Giannino, il Popolo Viola, Ruzzle.

martedì 12 novembre 2013

Attenti alle spalle


"Giovanni Keplero fu un astronomo, matematico e musicista tedesco. Scoprì empiricamente le leggi che regolano il movimento dei pianeti e che sono chiamate, appunto, leggi di Keplero."
Così dice la pagina di Wikipedia dell'astronomo a cui è stata dedicata la versione di Eclipse che ho davanti agli occhi, e il liceo romano in cui, finalmente, sono stati installati dei distributori di preservativi.
Un modo in più per scoraggiare i giovani a riprodursi senza almeno sapere a chi è intitolata la loro scuola.

Suo padre era un mercenario presumibilmente morto quando Giovanni aveva 5 anni, sua madre era un'erborista. Un particolare ignoto ai sopracitato giovani, abituati a fare le ricerche scolastiche copiando e incollando da Wikipedia Italia, che non ha caso contiene un decimo delle informazioni della controparte di qualsiasi altra lingua. Perchè in Italia il concetto di "open" significa "lo prendo, tanto è gratis" e il massimo di contributo auspicabile è un "Dux mea lux" sulle pagine che parlano del ventennio.
E se un insegnante si permette di segnalare plagio, si trova pure il genitore che la minaccia, la insulta e poi chiede di ritirare la querela. In uno stile di ritorsione e omertà tipico delle forze dell'ordine di questi anni.

Si spendesse un po' di più in istruzione e preservativi, come in ogni paese civile, probabilmente non avremmo vaccate come 16 anni e incinta italia e buona parte del pubblico di Insegreto.

Un po' come faceva Gabriele Paolini: a parte girare capolavori come Mary Pompins, cercava di sensibilizzare il pubblico all'uso dei condom. Che suona particolarmente ironico, se li usava per scoparsi minorenni, che magari quel liceo lo frequentavano anche.
Una battaglia combattuta apparendo dal nulla, senza che nessuno glielo abbia chiesto, insultando la classe politica e ricevendo querele a catena. Il tutto, alla fine, per uno scopo personale: mettertelo nel culo, con la sabbia. Se PDL e M5S si alleassero avrebbero il loro candidato ideale.

Perchè in fondo, si perdona tutto a qualcuno che ti riempie le tasche di soldi per comprare il tuo silenzio. Che tu sia un senatore a caccia di un extra-vitalizio o un sedicenne i cui unici valori sono i vestiti firmati e il cellulare carico.

Anche se ti sei fatto spedire volontario in qualche buco di culo sabbioso, a proteggere un oleodotto che trasporta merda che pagherai due euro al litro, mentre tua moglie è passa la sua vita su facebook a spacciare l'omeopatia come la cura di ogni male e tuo figlio lo prende nel culo per pagarsi uno status sociale, sfogando le su frustrazioni su una coetanea. Un po' come suo padre fa con le insegnanti, e il suo paese con il terzo mondo. Perchè ti dicono che lo fai per la patria, quella stessa che mantieni con una croce su un prestampato cacciata nel buco di un'urna ogni volta che non riescono a mettersi d'accordo su come sputtanare le tue tasse. O dove mandarti a morire l'anno prossimo.

Anche la madre di Keplero, che voleva il figlio prete, finì sotto processo per stregoneria.

"Lo scienziato, in disgrazia e in povertà, morì a 58 anni a Ratisbona e venne qui sepolto."

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...