venerdì 12 novembre 2010

I'll take a shower, I will scour, I will rub

[Never Ever - All Saints]


Non capisco perchè, con un intero pomeriggio a disposizione speso a parlarti di cazzate, una donna aspetti gli ultimi dieci minuti prima di uscire per farsi venire le voglie e iniziare a palparti l'uccello.

Sto per inserire il secondo dito all'interno della vagina di Federica quando improvvisamente suonano alla porta. Tento di trattenerla rincarando l'intensità del ditalino, ma al secondo gemito mi scansa e si alza, si infila un paio di pantaloni e corre ad aprire.

Sospiro nudo sul suo letto. Cerco di rimanere concentrato in modo da non perdermi l'erezione e continuare più approfonditamente in discorso che stavamo facendo prima.

E' la vicina. Chiede se è passato l'uomo per la lettura del gas.

Ora: ci sono diverse centinaia di modi che una persona può utilizzare per sbarazzarsi della vicina invadente e logorroica prima di passare alla padellata sul cranio.

La prima regola è aprire la porta di massimo 20cm in modo da scoraggiare chi è dall'altra parte a tentare l'entrata che renderebbe titanica l'impresa di sbatterlo fuori. La seconda è inventare una scusa per chiudere la porta il più breve tempo possibile.

Stavo per entrare in doccia. Vado se no mi prendo un malanno.

Prematuravo la supercazzola come se fosse Antani, sulla destra per due urgente.

Sto facendo la maionese e ho letto sul giornale che a Rosa Bazzi era impazzita la maionese, per questo ha causato la strage di Erba.

Terza regola: pronunciare la battuta e chiudere la porta. E la conversazione è finita.

E mentre sono qui a pensare alle scuse sono costretto a notare che mi si è ammosciato. E soprattutto che sono passati una quantità inacettabile di minuti per sbarazzarsi di una rompicoglioni. Tipo due.

Aguzzo l'udito e percepisco solo poche parole di una filippica devastante sul cambiamento degli orari di visita dei lettori di contatori dagli anni 20 a oggi.

- Fede ti muovi? Tra poco dobbiamo uscire! - Urlo con il tatto tipico del nazista che ti sta urlando di fare un passo fuori dalla fila

Sento le chiacchiere zittirsi e la porta chiudersi. E l'acqua del bagno aprirsi.

Passa un altro cazzo di minuto.

- Fede, dove sei finita? - il nazista sta chiedendo il caffè

- Mi preparo, tra poco non dobbiamo mica uscire?

- Bah, veramente credevo avessimo qualcosa in sospeso

- Adesso non c'è tempo. Vado un attimo in doccia!

Prendo una normale o antiaderente ?

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...